ministero
registrati

rubrica di approfondimento sui nostri amici gatti

Una nuova rubrica di approfondimento del mondo felino, a cura di SISCA (Società Italiana di Scienze Comportamentali Applicate). Gli articoli sono firmati da medici veterinari esperti in comportamento animale, con il coordinamento del Dott. Daniele Merlano, Medico Veterinario esperto in comportamento animale, Master II livello Università di Torino, Consigliere SISCA.

< Torna a tutti gli articoli

Segnali di malessere psicologico del gatto

Dott. Daniele Merlano
Medico Veterinario
Esperto di Comportamento Animale
Diplomato Master II livello

Non è sempre facile per il proprietario comprendere i segnali originati da uno stato di malessere psichico o fisico del proprio gatto, peraltro spesso associati.
Certamente un comportamento aggressivo, eliminazioni costantemente fuori dalla lettiera oppure un’ampia area del corpo improvvisamente priva di pelo sono dei messaggi che difficilmente possono essere fraintesi anche da persone poco esperte. Ma, senza arrivare a manifestazioni così eclatanti, è possibile cogliere delle alterazioni comportamentali che ci permettano di rilevare precocemente quanto sta avvenendo nella mente o nel corpo del nostro gatto?

La risposta è affermativa, pur considerando le molteplici e mutevoli capacità comunicative dei nostri felini, basta avere un buono spirito d’osservazione, un pochino di sensibilità e, se necessario, non esitare a rivolgersi al proprio veterinario.

I sintomi potenzialmente possono riguardare qualsiasi aspetto del comportamento e saranno illustrati in maniera più esaustiva, anche riguardo alle cause, in articoli successivi, qui ci limiteremo a elencare i più frequenti:


Come già scritto, questo ha voluto essere solo un breve sunto di alcuni dei possibili segnali che, insieme ad altri e alle potenziali cause, saranno discussi nei successivi articoli.

< Torna a tutti gli articoli 

Dal sito www.salute.gov

È utile ricordare che i medici veterinari liberi professionisti possono registrare i gatti per scelta dei proprietari anche nella banca dati privata denominata Anagrafe Nazionale Felina (anagrafenazionalefelina.it) realizzata dall’ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani).

È opportuno perciò effettuare la ricerca del microchip di un gatto smarrito anche in questa banca privata.