ministero
registrati

Le razze feline American Curl

« Torna all'elenco razze foto esemplare

STANDARD

Corpo: taglia e ossatura media, né pesante né sottile, classificato come semi foreign, ben proporzionato, con un peso variabile tra i 2,5 e i 5 kg; raggiunge la piena maturità solo intorno ai due-tre anni.
Coda: larga alla base, si assottiglia verso la punta; dev'essere lunga quanto il corpo misurato dalla base della coda alla spalla.
Zampe: né grosse né sottili, diritte.
Piedi: di media grandezza e rotondi.
Testa: a cuneo modificato, più lunga che larga.
Naso: diritto.
Mento: forte.
Orecchie: larghe alla base, curvate indietro in un arco uniforme con punte arrotondate, moderatamente grandi. Erette, piazzate agli angoli della testa, piegate all'interno verso il centro del cranio e all'indietro, esse devono formare un angolo di 90° ma non superare i 180°.
Occhi: a forma di noce, moderatamente grandi.
Collo: medio.
Mantello: tessitura setola con poco sottopelo, può essere corto o semilungo.

SELEZIONE E COLORI

Il Curl appartiene ad una razza naturale, frutto di una mutazione spontanea.
Nel Curl sono riconosciute due varietà, una a pelo corto, l'altra a pelo semilungo, come Soulamith, la capostipite della razza. Nella varietà a pelo semilungo il mantello è di media lunghezza e non presenta collare.
La tessitura è setosa, non è vaporoso e, non avendo sottopelo, questo mantello scende appiattito sul corpo.
La varietà a pelo corto differisce unicamente per il manto, che dev'essere uniformemente corto su tutto il corpo. In entrambe le varietà sono accettati tutti i colori, con qualsiasi pezzatura del mantello: solidi, tabby, smoke, silver, i bicolori e colourpoint.

ACCOPPIAMENTI PERMESSI

L’American Curl a pelo corto può essere accoppiato solo con l'American Curl a pelo lungo, e viceversa.

« Torna all'elenco razze 

Dal sito www.salute.gov

È utile ricordare che i medici veterinari liberi professionisti possono registrare i gatti per scelta dei proprietari anche nella banca dati privata denominata Anagrafe Nazionale Felina (anagrafenazionalefelina.it) realizzata dall’ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani).

È opportuno perciò effettuare la ricerca del microchip di un gatto smarrito anche in questa banca privata.