ministero
registrati

Le razze feline Angora

« Torna all'elenco razze foto esemplare

STANDARD

Corpo: medio nelle femmine, un po' più grande nei maschi. Ossatura medio-fine.
Coda: lunga e affusolata, larga alla base; termina in un ciuffo ben fornito di pelo.
Zampe: lunghe e sottili, quelle posteriori sono più alte delle anteriori.
Piedi: piccoli e rotondi, presentano ciuffi di pelo tra le dita.
Testa: di media larghezza e triangolare; i maschi possono avere le guance più piene.
Naso: lungo, senza stop.
Mento: solido e in linea con la punta del naso.
Orecchie: larghe alla base, alte, diritte sulla testa, con ciuffi di pelo sulla punta.
Occhi: grandi, a forma di mandorla, di colore azzurro, arancio o impari.
Mantello: medio-lungo, con scarso sottopelo, più lungo nel collare e nella coda. Il pelo è morbido, setoso e leggermente ondulato sul ventre.

SELEZIONE E COLORI

A lungo il termine Angora è stato usato come sinonimo di gatto a pelo lungo.
L'Angora, invece, è un gatto raro e qualsiasi somiglianza col Persiano è da considerarsi un grave difetto. Inizialmente è stato allevato solo nella varietà originale, cioè bianco ad occhi arancio, blu o impari.
Non poche discussioni ha causato la decisione del CFA di accettare le varietà colorate, al punto che alcuni Club, in netta opposizione con questa scelta, dopo il loro riconoscimento hanno addirittura deciso di abbandonare l'allevamento della razza e ne hanno ostacolato la selezione.
L'ammissione delle varietà colorate ha inoltre ridotto al minimo il problema della sordità (difetto congenito legato al mantello bianco).
Oggi gli Angora vengono allevati in tutte le varietà di colore.

ACCOPPIAMENTI PERMESSI

Non sono ammessi accoppiamenti con altre razze.

« Torna all'elenco razze 

Dal sito www.salute.gov

È utile ricordare che i medici veterinari liberi professionisti possono registrare i gatti per scelta dei proprietari anche nella banca dati privata denominata Anagrafe Nazionale Felina (anagrafenazionalefelina.it) realizzata dall’ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani).

È opportuno perciò effettuare la ricerca del microchip di un gatto smarrito anche in questa banca privata.